English French German Italian Romanian Spanish





MARCO
detto "il Felle" o "Parola"

Nasce cuoco in quel di Torino, cresce informatico sempre in quel di Torino e morirà alcolizzato in Svervegia. Appassionato di cucina e di tutto ciò che è NERD da D&D a Magic all'informatica. In una recente dichiarazione " amo rielaborare ogni tipologia di informazione ed esperienza per donarvi quel tocco in più, come fa il processo di digestione ai cibi, il risultato in tale modo sarà sempre personalizzato, sarà l'estro del momento ad avere l'ultima parola" discorso al popolo circa l'arte "Pozzi Ginori" seguito da gara di bevute finita malissimo. L'unico vero momento in cui diventa serio è quando coglie nell'aria una qualche sfida, dall'impegno di lavoro ad aprire la bottiglia dell'acqua, quindi occhio a cosa gli fate fare. In occasioni importanti fa sfoggio del kilt o dello spadone dipende in che modo l'occasione risulta importante. Sposato con Valeria, vive un forte conflitto interiore quando lei gli sbrindella i piani di conquista.


Valeria,
per gli amici Wollyn@

E' stata definita " dispotica" ma lei preferisce definirsi asociale tendente al borderline. Puntigliosa e Tirchia, come il cognome Torchio, e' sposata col Felle e ne condivide da 13 anni le pazzie. Adora la buona cucina e soprattutto il buon vino o la buona birra ma per carita' non fatela cucinare, potrebbe far esplodere la casa. Note particolari? Si tocca la punta del naso con la lingua, in serate spastiche e ciucche diventa anche divertente.


Nino
"Un Tortellino"

Nasce a Napoli nei lontani anni '80 da una famiglia di immigrati genovesi. "E cosa ci fa a Torino?" Vi chiederete. "Bella domanda" vi risponderà lui. Si avvicina all'arte discretamente, prima alla musica, poi al teatro, poi alla fotografia, prima che gli rubassero la reflex. La sua discrezione è tale che ogni arte a cui si è avvicinato, appena lo ha notato, ha fatto un sobbalzo e ha gridato "santo cielo, ti sembra il modo di avvicinarsi? Chi sei?" (sapete, le arti sono sempre concentrate) "Un Tortellino" risponde sempre lui.


Fabio,
"Bietto"

Bietto, dj producer improvvisato con i dischi lascia tutti senza fiato che sia musica dance, o musica house fa ballare a suon di click con il mouse


Stex

nasce a cavallo tra gli anni '70 e '80,nello stesso periodo in cui escono le sigle di Jeeg Robot e Capitan Harlock o film del calibro di Flash Gordon,Interceptor e 3 Superman contro il Padrino. A 4 anni compone il suo primo romanzo ma non sapendo scrivere non vi sono copie cartacee dello stesso,a 14 un suo fumetto satirico potrebbe cambiare per sempre il mondo dei comics ma il giovane si dedica con più interesse alla scoperta della biologia umana tramite l'autoerotismo,scriverà un saggio sull'argomento che non verrà mai pubblicato con la scusa di:" Ma hai toccato i fogli con le mani?" Adoratore di Stan Lee,drogato di serie Tv, dai 20 ai 22 anni si è espresso solo tramite citazioni di film, ama la musica,sopratutto quella che sente solo lui. Possiede un drago viola immaginario di nome Ciotola e alcune personalità multiple che si esprimono in forma scritta tramite parentesi.


CC,
(SiSi)

nasce negli anni ottanta, curiosa cronica e viaggiatrice instancabile cerca costantemente nuovi stimoli e nuove passioni da coltivare. E' stata definita "colibrì sotto acido" che rende perfettamente l'idea di quanto possa essere esplosiva e gestibile come i barili Acme di Willy il Coyote. Più grande all'interno e decisamente più piccola all'esterno. Facilmente domabile con del buon cibo e dell'ancor più buona birra.


Luisa

si nutre di serie tv, videogiochi, libri e cinema, non necessariamente in quest'ordine. E anche sushi, di tanto in tanto, giusto per non vivere d'aria e pixel. Ha una laurea in Traduzione per il Doppiaggio Cine-Televisivo, per cui nutre un'indescrivibile avversione. Ama i gatti, il teatro, l'accento inglese, Mass Effect, i musical e Cardiff, di nuovo non necessariamente in quest'ordine.


Federica
"la Fede"

Federica o meglio la Fede perché chi non l'ha mai vista, non la conosce e forse è meglio così. Vengo dalla ridente e ventosa Valle di Susa, il teatro, la musica e i libri sono i miei compagni di viaggio e grazie a loro faccio lunghe immersioni nelle acque dei sogni! Sognatrice e di conseguenza un po' "brasata" , il guaio e la disattenzione mi sono amici fin dalla nascita. Di me dicono che ho uno sguardo malinconico e mi piace pensare di viaggiare un po' come Fernando Pessoa, coccolandomi con le carezze dell'inquietudine. Curiosona indipendente, cerco, leggo e ascolto fino a quando il mio occhio non cade su un paio di scarpe e lì non capisco più niente! Il mio motto è:"lasciatemi perdere, tanto vincono sempre loro: le seghe mentali"